Al fronte, i soldati ucraini raccolgono gatti e cani per dimenticare l'orrore della guerra

Dall'aprile 2014, l'est dell'Ucraina è teatro di combattimenti tra gli ucraini e i separatisti pro Russia.Sulla linea di fronte, nei pressi di Marioupol, ultima grande città dell'Est sotto il controllo delle autorità di Kief, i soldati ucraini condividono le loro giornate con dei gatti e dei cani.

ukraine-soldats-chats-chiens-1

Fonte: @AFP

La maggior parte di loro sono animali abbandonati dalle famiglie costrette a fuggire a causa della guerra. Abbandonati a se stessi, sarebbero probabilmente morti di stenti senza l'aiuto e le cure dei soldati.

ukraine-soldats-chats-chiens-5

Fonte: @AFP

Anche a Sartana,un quartiere di Marioupol, due gatte abbandonate sono state salvate dalle bombe grazie a dei soldati. Pavlo, un mitragliere di 28 anni, racconta:

Con i gatti abbiamo instaurato un rapporto di collaborazione: loro catturano i topi, noi li nutriamo. Li teniamo al riparo, e loro ci scaldano.
ukraine-soldats-chats-chiens-4

Fonte: @AFP

"Come degli antidepressivi" 

Tutti di fatto ne traggono beneficio. In cambio di un riparo, di coperte e coccole, gli animali offrono inconsapevolmente un prezioso sostegno morale ai soldati. Regalando qualche momento di tenerezza, gli animali riescono a fargli scordare l'orrore della guerra.

Fonte: @AFP

"Sono degli antidepressivi. Il morale sale non appena li vediamo. Li chiami, corrono verso di te il tuo morale migliora", continua Pavlo, mentre dà da mangiare ai cani.

Un aiuto prezioso nei combattimenti

I soldati si prendono cura dei cani anche perché li aiutano nelle loro missioni.

"In caso di pericolo, funzionano da allarme, perché percepiscono voci e rumori meglio degli umani. Ci avvertono quando il nemico si sta avvicinando", spiega il giovane soldato, archeologo di formazione.

ukraine-soldats-chats-chiens-6

Fonte: @AFP

Un soldato infermiere soprannominato "Rodon" confessa di aver donato i propri medicinali ai cani più sofferenti del luogo.

ukraine-soldats-chats-chiens-3

Fonte: @AFP

"Abbiamo portato con noi diversi cani che erano stati abbandonati a Chirokiné dagli abitanti costretti a fuggire. Li abbiamo curati e nutriti, e loro non volevano più lasciarci. Quando si sono ammalati gravemente, li ho curati con degli antibiotici e la vodka", spiega il giovane soldato.

Anche i gatti contribuiscono al benessere dei militari tenendo alla larga i ratti, impedendogli di propagare malattie.

ukraine-soldats-chats-chiens-8

Fonte: @AFP

"Conto di portarmi a casa un gatto"

Questi animali non hanno speranze di ritrovare la loro famiglia. Consapevoli della triste sorte che li attende quando se ne andranno, diversi soldati dichiarano di volerne adottare più di uno quando se ne andranno a guerra finita.

Pavlo conclude così:

Un compagno d'armi ospitava un cucciolo a Chirokiné, hanno vissuto la guerra assieme, è cresciuto con lui. Alla fine, l'ha portato a Kiev con sé. Ho anch'io intenzione di portare un gatto con me.
ukraine-soldats-chats-chiens-2

Fonte: @AFP

Andrea A.
18/3/2016